martedì 27 marzo 2018

Recensione "Uccidimi" di Chiara Cilli

Siete pronte??? Noi… Assolutamente no!!! E il motivo è solo uno: con questa recensione chiudiamo il capitolo Henri-Aleksandra. Se non sapete di cosa parliamo vi rimandiamo alle recensioni di Soffocami e Distruggimi (ci raccomandiamo: in questo sacrosanto ordine!!!).

Non perdiamo altro tempo perché su ‘Amiche per i Libri’ è tornata la Regina italiana del Dark, ed è solo una: Chiara Cilli


Titolo: Uccidimi
Serie: Blood Bonds Series #3

Autrice: Chiara Cilli

Casa Editrice: Self-Publishing
Data di pubblicazione: 1 agosto 2016

Genere: Dark Romance






Trama: Non avrei mai immaginato che la mia vita sarebbe finita così.
Non avrei mai creduto che la mia vita sarebbe dipesa dalla sua.
Ero pronta a morire per mano dell'uomo che mi aveva distrutto.
Ero pronto a uccidere la donna che si era presa tutto me stesso.
Ma la mia sofferenza non è ancora terminata.
Ma me l'hanno portata via.
Sta venendo a riprendermi, lo sento.
Me la riprenderò, a qualsiasi costo.
E questa volta non potrò fermarlo.
E questa volta non fallirò.
A meno che non sia io a ucciderlo.




“Meglio morire per mano di un estraneo, che per quella di colui che mi era entrato dentro.” 

Ok… La verità… Dio Santo!!!!!!! Chiara, ma che ci hai fatto???? Sì, proprio direttamente a noi perché ormai siamo diventate dipendenti delle tue storie e soprattutto della tua scrittura. 
Non avevamo per caso detto che non avremmo perso tempo e avremmo recuperato tutti i libri della Blood Bonds Series fino ad oggi pubblicati? Piano piano lo stiamo facendo, dateci tempo ma tranquille che prima o poi qui sul blog approderanno tutti. 

Per il momento, ora è arrivato il turno del capitolo conclusivo della prima parte della serie, quella dedicata ad Henri e alla sua Lei, Aleksandra.

Se non avete letto i precedenti libri, tutto questo vi sembrerà strano e forse un po’ pazzerello ma se avrete la voglia e soprattutto la forza di recuperarli allora tranquille che anche voi, come noi, alla fine ne uscirete uccise! 
Perché Uccidimi è… spietato, schietto, diretto, ipnotico e da "il mio cuore si è fermato più e più volte".

Possiamo dirlo che non ce lo aspettavamo così… così… eh, così come non lo sappiamo nemmeno noi. L’unica cosa certa è che noi facciamo parte del gruppo di quelle che sperano sempre nel lieto fine però questa volta, per Uccidimi, non poteva esserci finale migliore di quello che Chiara Cilli ci ha lasciato. 
Perché Henri e Aleksandra meritano ma soprattutto hanno bisogno di quella fine. 
Forse cruda, infelice, insensibile ma assolutamente perfetta per le loro anime distrutte - come del resto ne sono uscite fuori anche le nostre -. 
Una parola per descrivere la scena finale? Straziante! 

“Non la riconobbi.
Finché il suo sguardo non incatenò il mio.
Sussultammo.
Riprendemmo vita.
L'uno nell'altra.” 

Scordatevi amore, fiori, cuori e tutto ciò che potrebbe farvi pensare ad una fine da fiaba. 
La fine di Uccidimi e di conseguenza della storia di Henri e Aleksandra è LA FINE. Punto. Appartiene solo ed esclusivamente ai protagonisti e niente e nessuno può metterci mano o parola. Solo loro sanno il perché, e noi possiamo essere semplici spettatrici senza diritto di parola o di giudizio. 
“Sangue sulle sue mani.
Sangue sulle mie.
Un legame indissolubile.
Un legame che sarebbe sopravvissuto oltre la morte.”

Se per Distruggimi vi avevamo detto che lo ritenevamo un capitolo parecchio psicologico, è solo perché non eravamo arrivate ancora a leggere Uccidimi
Questo è psicologia pura. Dalle torture fisiche e mentali che Aleksandra si ritrova costretta a subire alle fisime mentali che occupano la testa di Henri.

In questo libro le parole odio e vendetta sono più forti che mai.
Abbiatele sempre in mente perché tutto gira intorno a loro.


Aaahhh, ragazze nostre. Questa serie è qualcosa di spettacolare e che va assolutamente letta. Certo non è semplice o adatta a tutte ma se amate il Dark Romance allora non potete farvela scappare. 
Vogliamo poi parlare di come è scritta??!!?? 
Ragazze… Noi, lo ripetiamo: siamo profondamente innamorate della penna della Cilli. Cara Chiara… noi te lo diciamo senza mezzi termini e forse l’abbiamo anche già detto ma non ci importa, anche perché repetita iuvant: sei un fottuto genio!!!! Hai uno stile Unico. Ipnotico. Accattivante
Le tue storie sono sempre da cardiopalmo e una volta assaggiata la tua scrittura, ci si ritrova costrette a divorare tutto come se non ci fosse un domani. 

Uccidimi, come lo è stato prima Distruggimi, e ancora prima Soffocami, è una storia che s’insinua nella mente e ti costringe a volere, quasi esigere qualcosa di assolutamente sbagliato e immorale. Ma noi ce ne freghiamo altamente della moralità e contro tutti e tutto andiamo avanti per la nostra strada e in questo caso per le nostre letture. 

Massimo dei voti? MA che domande… Lo diamo ad occhi chiusi!!!


Forza… Avanti il prossimo Lamaze… E dobbiamo sbrigarci perché vogliamo essere assolutamente in pari con l’uscita, per questa estate, del nostro adorato Armand... Lui per ora sempre presente in ogni libro, seppur in disparte ma che più di ogni altro fratello Lamaze, è senza dubbio il nostro preferito!!! Per il momento??? Si vedrà...


“«Perché l'ho legato a me e lui mi ha legato a sé. E non l'ho mai voluto. Io non lo voglio. Ma appartengo a lui».”



1 commento:

  1. Grazie di cuore per questa meravigliosa recensione, ragazze! ♥

    RispondiElimina